Giugno 24th, 2019

Magnifico 19_Open heart, si fa grande l’uomo che dà valore alla fragilità

“La fragilità rifà l’uomo”, dice Vittorino Andreoli.

Per il secondo anno lavorerò con un gruppo di uomini nel workshop performativo in natura “Magnifico 19_Open heart”.

Sono loro stessi a suggerirmi di anno in anno il tema da approfondire, e di nuovo è andata così: uomini diversi, con ruoli diversi, in contesti differenti mi hanno suggerito di lavorare sul valore della fragilità, la competenza sul proprio attuale limite (alla fioritura).

Chiedo sempre a chi si iscrive le ragioni che lo spingono, ma la suggestione che mi porta alla scelta del tema arriva in modo diverso: non chiedo, mi metto in ascolto, ma in questo caso non è servito nemmeno quello. Un’esigenza e una direzione sono emerse con forza e chiarezza nelle parole di artisti, imprenditori, padri: “Sento forte il desiderio di svelare la mia fragilità”, o di “conoscerla”, o di “entrarci in contatto”, insomma, la dichiarazione di un bisogno di togliersi di dosso strutture pesanti fatte di idee ben programmate attraverso l’educazione del passato, che hanno instillato nella mente maschile un’idea stereotipata di forza e di coraggio. Noi esseri umani stiamo a lungo nello svezzamento, maschi o femmine che siamo, abbiamo una competenza di ciò che è “fragilità”. Penso abbia a che vedere con molti aspetti, dall’autonomia all’amore, all’accettazione della nostra e altrui mortalità, perché la fragilità richiama anche il tempo, la caducità del tempo che passa. “Fragilità” ha la stessa radice di frangere, che significa rompere. Sospetto che la fragilità sia una forza che ne rompe l’idea astratta le dà una terra in cui radicarsi e fiorire.

L’arte performativa ci consentirà di misurare a che punto siamo, e se siamo fortunati la fotografia poi ci regalerà una testimonianza della luce intima che porta con sé questa scoperta e relazione con la fragilità.

 

Magnifico 19_Open heart” è un’esperienza artistica in natura, che dedico per il secondo anno a uomini dai 21 anni d’età; viene documentata dalla fotografa ispano-svedese Sofia Fernandez Stenström, con cui collaboro da più di quattro anni. Si terrà a Sassoleone (BO) dal 15 al 17 settembre, presso Baba Jaga.

Qui la presentazione: https://www.facebook.com/events/326792224693929/.

Per informazioni, costi e iscrizioni:

info@farmaciazooe.com
www.carolamininclericolussi.it/magnifico
www.farmaciazooe.comwww.spaziofarma.com

Facebook